domenica 4 settembre 2011

Cara Aspasia

Cara Aspasia, cari lettori tutti,
non ignoro affatto come sussisterebbero validi motivi per ricusare il provocatorio invito ad immaginare la stagione dell’ipotetico “teatro Grisi”. Il primo: che per noi l’opera è solo un hobby e deve rimanerlo pena l’abbandono del ludus in caso di occupazione professionale nel mondo dell’opera. Il secondo perché il ludus Corriere della Grisi non contempla istituzionalmente l’applicarsi alle opere di misericordia spirituali, dettagliatamente “insegnare agli ignoranti” e “soccorrere i dubbiosi” pure numerosi e professionalmente impiegati nel mondo del melodramma. E non già quali ascoltatori. Terzo perché il Corriere della Grisi, pur nell’incontrollato amore per il melodramma in ogni declinazione non è luogo di realizzazione della massima evangelica “porgere l’altra guancia”, che nel caso di specie si concreterà in pagine internet, threads di ironie, derisioni, auspici di pronta quanto dolorosa morte, lasciati in bella vista in altri luoghi virtuali, che, operisticamente parlando, privi di argomenti hanno eletto questo blog quale prediletto. Pazienza, da tempo, benché agnostici, atei ed anticlericali, applichiamo l’insegnamento” sopportare pazientemente le persone moleste, perdonare le ingiurie e sopportare le offese”.
Or bene, come usano fare i direttori artistici stipendiati (da noi !!), quest’ultimo, in ogni senso, gioco del blog merita la presentazione.


La faccio richiamando un mirabile racconto di Giuseppe Marotta “pane, con sale e olio” contenuto ne “L’oro di Napoli” dove il giornalista e scrittore, parlando del poverissimo desinare dice: “ da noi, laggiù, il pane con sale e olio è il penultimo dei cibi, viene subito dopo il brodo di trippa e precede soltanto i lupini o il puro niente. Questo pane con sale e olio si determina, in una casa meridionale, quando tutto è perduto: finito il denaro, finito il credito, finite le avemarie, c’è sempre qualche goccia di olio nella bottiglia, c’è sempre qualche pezzo di pane raffermi nei cassetti di cucina, ci sono sempre un pizzico di sale nel barattoli e l’affettuosa acqua del Serino nella fontana.”
Ecco pane con olio e sale è quando diffusamente il mercato delle voci e delle bacchette offra oggi con rare eccezioni e cui si deve ricorrere per combinare il desinare con la cena. Crediamo di avere avuto nel proporre questo intrattenimento cultura e fantasia. Non la suprema fantasia partenopea, che ha fatto dell’arragiarsi arte mirabile, ma quel tanto che basta, congiunto al realismo del Nord per prendere atto che Mozart è inflazionato e Verdi, oggi, è meglio lasciarlo perdere o quanto meno riposare per un biennio. Sembrerà un paradosso, ma nelle nostre elucubrazioni (perché Donzelli è qui mediatore e nuncius del pensiero comune) abbiamo identificato i due protagonisti maschili di Huguenots e di Muette de Portici, mentre ammettiamo di essere privi di quelli di Trovatore, Ballo e Forza. Certo il genere grand-opéra è caro a quelli della Grisi per la sua, oggi misconosciuta rilevanza storica e la capacità di evocare epoche, vocalmente parlando, di opulenza pari ai decolleté dei soprani ed alle epe dei tenori, protagonisti di quell’aetas aurea. Come è realismo la scelta della protagonista della Muette, che adempie in primo luogo ai desiderata dalla prescelta, ovvero agitarsi per il palcoscenico.
I nostri incalliti detrattori avranno motivi per imprecare le prescelte protagoniste femminili dell’altro grand-opéra, che mai vedremo insieme. Sbagliano, però, perché si tratta del più genuino omaggio alle primedonne, tenendo conto e delle attuali condizioni vocali delle prescelte e della tradizione storica che spesso (Patti, Albani, Arnoldson) vedeva le Margherite chiudere la carriera vestendo i panni di Valentina.
Come credo qualcuno storcerà il naso su una Elettra contrapposta, si fa per dire ad una Elektra. Anche qui siamo in vena di omaggio, precisamente al centenario della rappresentazione italiana del titolo ed alla protagonista Emma Carelli, affidato ad altra primadonna dedita al Verismo, la sempreverde Giovanna Casolla.
Sia ben chiaro nessuna pretesa di offrire freschezze e giovinezze vocali (e lo stesso valga per la protagonista di Zelmira, che confesso avrei visto bene quale Tancredi nella versione di Giuditta Pasta), ma la certezza che ancor oggi di certe “vecchie signore”, della loro tecnica scaltrita, del loro professionismo solido, che riesce a gestire i pregi e più ancora il tempo che passa, non possiamo ancora farne a meno. E per molti versi lo vorremmo perché significherebbe la presenza di ben altre e vigorose forze sulle nostre scene.
Qualcuna, lo ripetiamo c’è e quindi è giusto nel nostro immaginario cartellone utilizzarle al meglio, magari animati anche qui da qualche insegnamento che viene dal passato.
“Utilizzarle al meglio” può assumere differenti significati. Ad esempio offrire la possibilità di misurarsi in grandi ruoli ad artisti, privi di accreditati manager ed agenzie e che fanno fatica ad avere quello che, crediamo, corrisponda ai loro meriti e possibilità. Ancora può concretarsi il principio nell’affidare i ruoli giusti e congrui alle capacità vocali senza costringere a forzare la voce, come accade a Krassimira Stoyanova e Piotr Beczala in Verdi, cantanti già in grande carriera, ma con doti e qualità idonee, secondo noi ad altri titoli. Lo stesso vale per Anita Rachvelishvili, cui la scrittura centrale, cantabile di Mignon potrebbe essere il mezzo per “alzare” il baricentro della voce, abbandonare ruoli drammatici e gravi e pensare di diventare quella che è ovvero un soprano da tardo Verdi.
Ancora abbiamo fatto qualche concessione allo star system, sul quale la pensiamo come ha riferito June Anderson, diva e diva da star system, quando ha rilasciato un’intervista al nostro blog. Il nostro pensiero in punto non è cambiato anzi il tempo e gli ultimi immessi nell’ingranaggio ci convincono sempre più del fondamento della nostra opinione. Però se devo utilizzare una star devo utilizzarla per quello che può realmente fare secondo le proprie inclinazioni naturali e cognizioni tecniche. Giorni fa è stato pubblicato il cast all stars di un Matrimonio segreto del 1846 e la notizia ha suggerito il titolo adatto per quelle oggi all’apice della fama. Nel capolavoro di Cimarosa hanno giusta collocazione e dantescamente in compagnia di Ewa Podles, la negletta dello star system, cui Bertati e don Dummenico Cimarosa affidano il monito “vergogna vergogna, finitela già”.
Monito che può essere variamente interpretato anche come diretto al sottoscritto e sodali.




Auber - LA MUETTE DE PORTICI

Masaniello - Shalva Mukeria
Elvire - Jessica Pratt
Fenella - Natalie Dessay
Alphonse - Michael Spyres
Primo ballerino - Roberto Bolle

dir. Marc Minkowski


Cimarosa - IL MATRIMONIO SEGRETO

Carolina - Anna Netrebko/Diana Damrau
Paolino - Juan Diego Flórez
Fidalma - Ewa Podles
Elisetta - Nino Machaidze
Conte Robinson - Alex Esposito
Geronimo - Samuel Ramey

dir. Bruno Campanella


Wagner - LOHENGRIN

Heinrich - Kwangchul Youn
Telramund - Plácido Domingo
Lohengrin - Klaus Florian Vogt
Ortrud - Dolora Zajick
Elsa - Krassimira Stoyanova/Hui He/Maria Agresta

dir. Bertrand de Billy


Thomas - MIGNON

Mignon - Anita Rachvelishvili
Wilhelm Meister - Ismael Jordi
Philine - Diana Damrau
Frédéric - Irina Lungu

dir. Antonio Pirolli


Chaikovsky - EVGENIJ ONEGIN

Larina - Dolora Zajick
Tatiana - Krassimira Stoyanova
Onegin - Vladimir Stoyanov
Lenskj - Piotr Beczala
Filipevna - Olga Borodina

dir. Gianandrea Noseda


Massenet - MANON

Manon - Krassimira Stoyanova/Nathalie Manfrino
Cavaliere des Grieux - Piotr Beczala

dir. James Conlon


Puccini - MADAMA BUTTERFLY

Cio-cio-san - Hui He/Maria Agresta
F. B. Pinkerton - Francesco Meli
Sharpless - Luca Salsi/Damiano Salerno
Suzuki - Marianna Pizzolato
Kate Pinkerton - Serena Gamberoni

dir. Riccardo Chailly


Massenet - HERODIADE

Hérodiade - Irina Makarova
Salomé - Nathalie Manfrino
Jean - Roberto Alagna
Hérode - Ludovic Tézier

dir. Antonio Pappano


R. Strauss - ELEKTRA (versione originale/versione tradotta in italiano)

Elettra - Jennifer Wilson/Giovanna Casolla
Crisotemide - Eva-Maria Westbroek/Maria Billeri
Clitennestra - Evelyn Herlitzius/Raina Kabaivanska

dir. Daniel Harding


Meyerbeer - LES HUGUENOTS

Marguerite de Navarre - Mariella Devia
Valentine de St. Bris - Edita Gruberova
Urbain - Elina Garanca
Raoul de Nangis - John Osborn
Marcel - Kwangchul Youn
Nevers - Vladimir Stoyanov
St. Bris - Michele Pertusi

dir. Marc Minkowski


Weill - DIE DREIGROSCHENOPER

Mackie Messer - Jonas Kaufmann
Polly - Natalie Dessay
Jenny - Daniela Dessì
Peachum - Ferruccio Furlanetto
Mrs. Peachum - Waltraud Meier
Brown - Dmitri Hvorostovsky

dir. Zubin Mehta


Rossini - ZELMIRA (versione Giuditta Pasta)

Zelmira - June Anderson
Emma - Marianna Pizzolato
Antenore - Michael Spyres
Ilo - Juan Diego Flórez
Polidoro - Roberto de Simone

dir. Richard Bonynge



16 commenti:

Lori ha detto...

Bravi Bravissimi!!

mozart2006 ha detto...

Posso prender parte anch´io?

Ecco la mia proposta

DER FREISCHÜTZ

Lance Ryan - Max
Catherine Naglestad - Agathe
Diana Damrau - Blonde
Hans Peter König - Kaspar
Matti Salminen - Eremita
Placido Domingo - Samiel

direttore: Constantinos Carydis

Fabrizio ha detto...

Timidamente, alcune mie perplessità sulle scelte di Donzelli: la mia amatissima Devia, dopo le ultime performance, in Scala con Temirkanov e a Firenze nel suo Gala, è meglio che si riposi un pochino; Il blog insiste su Maria Agrsta e io insisto clone della Damato;Lohengrin, eccetto Youn, da rigettare con forza ad iniziare dal direttore,così dicasi per Noseda con Onegin; ahi,ahi,ahia per tutta la Madama eccetto Chailly!

Giulia Grisi ha detto...

Ma la Agresta in alto gira, la Damato nemmeno unpo'!

Domenico Donzelli ha detto...

un soprano che sopravviva ai vespri qualche qualità là possiede a differenza di uno che soccombe quale micaela. Ciascuno ha le proprie opinioni vorrei confrontarmi sulle ragioni delle stesse. Ciao dd

Nicola ha detto...

non sono d'accordo sulla scelta della Dessay come Fenella: credo che, dopo aver trasformato Amina, Marie etc. in ridicole quanto dissacranti macchiette (vale soprattutto per la Sonnambula che ho avuto la sventura di vedere dal vivo al Met), la cantante francese riuscirebbe a svilire persino la mansueta muta di Portici nella sua versione esagitata e insopportabilmente écervelée (come se "per avvicinare i giovani e/o il grande pubblico" all'opera ci fosse bisogno di zompettare tutto il tempo e sorridere come una cretina)

Olivia ha detto...

Gentile sig. Donzelli ho ascoltato con attenzione tutti cantanti da lei proposti nei vari cast ed effettivamente, eccetto rari casi come per esempio la Casolla e pochi altri, ritengo che abbiate assemblato il meglio per i rispettivi ruoli. Concordo anche con la Fenella della Dessay poiché quest’ultima, pur essendosi malamente logorata la voce, come abbiamo potuto ascoltare nella Traviata di Aix, è stata per anni un’interprete, forse stereotipata, ma dalle notevoli qualità artistiche. Ora un problema che Lei ha già sottolineato nel suo post si pone : come possiamo avere alla guida dei nostri enti lirici , festival ed altri teatri nel mondo direttori artistici tanto sordi , incapaci e beceri? Che si può fare contro tale barbarie ? Forse costoro dovrebbero essere scelti o eletti dal vostro blog più ancora dei cantanti

Fabrizio ha detto...

Innanzitutto la Agresta ha un brutto timbro di voce e a me sembrava facesse fatica non solo nel registro alto, ma anche in quello centrale, mi ricorda in campo maschile il nostro "amatissimo-erede di Pavarotti" Grigolo.
Devo aggiungere che io ho assistito solo al I atto dei Vespri: l'allestimento mi sembrava forzato e non mi piaceva e se qualcosa, ma in campo musicale,intendiamoci, non entra in sintonia coi miei"famosi" parametri mentali, il mio giudizio ne trae le conseguenze.Insomma la Sig.na Agresta non mi piaceva!Ora pare che sarà Donna Elvira nel Don Giovanni Scaligero (II cast), certo un ruolo, mi pare, assai diverso dai Vaspri.Mi riprometto, comunque, di riascoltarla!
Mi piace questo gioco, ma mi sembra alquanto diffile.Cordialmente.Fab.

Giulia Grisi ha detto...

eh! dai, proponi anche tu come gli altri: compromettiti!!!

Ho recensito la sign. Agresta qui con dovizia di osservazioni, alcune anche negative. Resto dell'idea che abbia dimostrato moltissimo in una prova dura, anche se i difetti ci sono. Ma poichè è all'inizio della carriera, leggo la sua vicenda in modo positivo, nel senso che fa cose sensate e fondate, tali da giustificare le attese.
vedremo la Gemma, che è opera durissima pure quella.....mica briciole! sperem...

Giulia Grisi ha detto...

dopo Torino, la Philine la avrei data anche ad Elena Mosuc!

pasquale ha detto...

avete aperto un agenzia?

vedo che avete la crema attuale dei cantanti...

una scuderia ben fornita hi hi

scherzo..comunque il convento questo passa,la minestra è un pò insipida,ma se la fame è grande ci si accontenta.

Aspasia ha detto...

Vi ringrazio per l'attenzione concessa al mio suggerimento!

Che dire, magari qualche teatro facesse una stagione così: mi abbonerei di corsa!

maometto II ha detto...

SALVE A TUTTI.
vorrei solamente dire un paio di cose sulla signora Agresta, che qui a Cagliari è stata Violetta lo scorso giugno.
Innanzitutto la voce non è brutta. per nulla. è abbastanza ampia, pur non essendo enorme e ha superato il primo atto con dignità, concludendolo con uno scintillante mibemolle.
non è una cantante "storica", ma se eviterà ruoli troppo pesanti , spero che possa dimostrare ciò che vale.
grazie a presto. Maometto II

Fabrizio ha detto...

E va bene raccolgo la sfida della Giulia. Per il momento inizio con la Trilogia Da Ponte-Mozart:

LE NOZZE DI FIGARO:
Il Conte: Cerald Finley
La Contessa: Dorothea Roschmann
Figaro: Ildebrando D'Arcangelo
Susanna: Anna Netrebko
Cherubino: Cecilia Bartoli
Direttore: N.Harnocourt+ Wiener Phil.
Regia: Robert Carsen

DON GIOVANNI:
Don Giovanni: Peter Mattei
Leporello: Ildebrando D'Arcangelo
Don Ottavio: Giuseppe Filianoti
Donna Anna: Diana Damrau
Donna Elvira: Joyce Di Donato
Zerlina: Magdalena Kozena
Masetto: Alex Esposito
Commendatore: Kwangchul Youn
Direttore: Sir Simon Rattle+Berliner Phil.
Regia: Claus Guth

COSì FAN TUTTE:
Fiordiligi: Dorothea Roschmann
Dorabella: Elina Garanca
Ferrando: Juan Diego Florez
Guglielmo:Luca Pisaroni
Despina: Patricia Petibon
Don Alfonso: Thomas Hampson
Direttore: Claudio Abbado+Orchestra Mozart
Regia: Christof Loy

Beh, sì, è una trilogia AllStars, ma penso sia il meglio per quei ruoli. E poi ho messo anche i Registi, cosa volete di più? Non contenti? Aggiungiamo anche i Teatri:
Nozze a Vienna
Don Giovanni a Salzburg
Così fan tutte alla Scala

Domenico Donzelli ha detto...

davanti a queste proposte non ho dubbi cambio hobby! con mirabile dimostrazione della ramificazione del consenso hai riunito tutto quello che rappresenta la avanzata decomposizione dell' opera e del suo pubblico. Senza alcun motivo personale. Prendile per le lamentele di un vecchio ascoltatore. Domenico donzelli

mozart2006 ha detto...

Ma quanto si pagherebbe il biglietto per gli spettacoli di questa Trilogia?
Perchè, per farmi prendere in considerazione l´idea di vederli, dovrebbero essere loro a pagare me...
Apprezzo la buona intenzione, ma piuttosto che perdere il mio tempo con questa roba, vado a vedermi un bel musical fatto bene.