sabato 12 marzo 2011

Evadere la posta 2

"Alla Scala resa dei conti tra loggionisti. La ''Tosca'' contestata dal solito gruppo di provocatori, i melomani ufficiali insorgono", Egle Santolini, La Stampa, 24 febbraio 2011.

Cara Egle,

molti anni or sono le pagine de più rinomato quotidiano italiano ospitarono una tenzone fra due delle più illustri firme della testata. Di quelle buone, ossia Indro Montanelli e Camilla Cederna, quest’ultima trapassata, dopo una folgorazione in zona via Fatebenefratelli- Questura, dai salotti buoni della Milano bene all’impegno sociale. Il ragazzino, decenne, rimase molto colpito dagli incipit del Maestro assoluto di giornalismo, appunto: “cara Camilla”. Null’altro in comune con quella storia, ma la penna sapida di Montanelli era esempio anche per temi e “temini” di italiano.

E soprattutto era esempio del grande giornalista l’assoluta onesta e buona fede. Lezione, questa, assai più dimenticata e persa del bello scrivere e dell’italiano di scuola e tradizione.
Ella, cara Egle, della perdita della lezione montanelliana ha offerto, nel minimo cosmo del mondo dell’opera, una significativa esemplificazione.
All’indomani della sua rhesis nei confronti del Corriere della Grisi Le ho inviato una mail ove chiedevo chiarimenti per i fatti che, di seguito, andrò a richiamare, oggi noti a tutti. L’ha letta, non ha risposto. Il suo direttore non l’ha neppure letta. Il maestro è sempre tale.
Certo la mia persona conta niente,il blog per cui scrivo meno ancora. Al contrario chi ha tentato di picchiare un ragazzo di vent’anni ed offerto prova di precoce senescenza e grave inciviltà è assurto agli onori della cronaca additato quale esempio di civiche virtù.
Mala tempora currunt? Figuriamoci, semplicemente l’etica si piega all’effettaccio. Ciò in assoluta assonanza con quel che quella sera avevamo appena finito di sentire, nonostante il marchio Scala, difeso acriticamente dai nostri assalitori.
Quanto all’episodio ed al sapore volgare ed intimidatorio se ne sono occupati altrove e con completezza di narrazione e dettagli, che può equivalere ad un corretto esercizio del dovere di cronaca.
E ciò potrebbe bastare. Stranamente e nonostante qualche egle possiamo –noi del corriere della Grisi- essere anche soddisfatti o almeno meno insoddisfatti che dal trattamento che Ella ci ha riservato.
Però…. Però c’è sempre un però altrimenti non avrei perso tempo a contattarLa, cara Egle, e non lo perderei ora utilizzando l’unico modo che mi ha concesso ossia dal blog della Grisi. Ripeto uso quello che ho a disposizione e che Lei consente.
Vede, cara Egle, la dovizia di particolari sulla mia corporatura ( che vuole siano 112 kilogrammi per 1,92 cm di altezza, quel che serve ad arrestare le mani di quattro damazzine e tre ululanti vecchi), sulla mia attività professionale, mutuati dai nostri assalitori, confermano come Ella conosca benissimo anche il mio nome e cognome e che, quindi, la primula rossa (molto romantico) avrebbe ben potuto esser contatta l’indomani dell’assalto per conoscerne la versione dei fatti. Lo hanno fatto alcuni Suoi colleghi e, quindi, l’impresa era normale per un professionista di media diligenza e volontà di corretto esercizio della professione.
Comprendo che sentire anche l’altra campana avrebbe precluso la chiusura del pezzo che per effetto ricorda certi suoni di petto dei più rappresentativi soprani (altrove definiti con l’accrescitivo sopranacci) veristi e che per Sua informazione e auxesis culturale Le accludo.
Non me ne voglia, cara Egle, è solo per rammentare in primis a me stesso che una telefonata costa fra l’altro alla Sua testata circa 50 centesimi. Un click sui nostri indirizzi l’avrebbe condotta direttamente alle caselle di posta elettronica di molti di noi. E la spesa si riduceva ulteriormente.
E siccome il Carnevale ambrosiano non è ancora terminato dedico alla più scalmanata delle nostre assalitrici non solo l’esecuzione –paradigmatica- del Carnevale di Venezia di una divina, il cui ascolto apre orizzonti, se in grado di sentire, ma anche la mia ricetta delle chiacchiere, della cui superiorità sono certo.


LE CHIACCHIERE DI DOMENICO DONZELLI

UN UOVO INTERO
UN BICCHIERE DI LATTE
MEZZO BICCHIERE DI GRAPPA
LA BUCCIA DI UN LIMONE GRATTUGGIATA
UN PIZZICO DI SALE
IL CONTENUTO DI UNA BACCA DI VANIGLIA
QUATTRO CUCCHIAI BEN COLMI DI ZUCCHERO
FARINA QUANTO BASTA
STRUTTO FINISSIMO

UNIRE TUTTI GLI INGREDIENTI ESCLUSA LA FARINA. UNA VOLTA BEN MESCOLATI AGGIUNGERE LA FARINA SINO AD OTTENERE UN IMPASTO PIUTTOSTO CONSISTENTE (PIÙ SOLIDO DI QUELLO DELLA PASTA ALL’UOVO).
LASCIAR RIPOSARE MEZZ’ORA
STENDERE L’IMPASTO POCO PER VOLTA SOTTILISSIMO (SE SI UTILIZZA LA MACCHINA ALL’ULTIMA TACCA).
IN UNA PENTOLA ABBASTANZA ALTA E DAL FONDO RESISTENTE FONDERE LO STRUTTO. QUANDO SFRIGOLA BUTTARE LA CHIACCHIERE UNA O DUE PER VOLTA. COTTURA RAPIDISSIMA
LASCIAR RAFFREDDARE E SPOLVERIZZARE DI ZUCCHERO A VELO.
ACCOMPAGNAMENTO CANONICO: PANNA MONTATA.



Gli ascolti

Giordano - Andrea Chénier

Atto III - La mamma morta - Lina Bruna Rasa (1930)

Benedict - Il Carnevale di Venezia - Luisa Tetrazzini (1909)


11 commenti:

Giuditta Pasta ha detto...

Quello che mi scandalizza più di tutto in quell'articolo sui muggittori professionali, non è l'assenza di ogni oggettività e della minima etica giornalistica, ma l'imbarazzante fatto di un manco totale di gusto nella sua ritorica letteraria e figurale.

emilio-millepiani ha detto...

Ed invece, al contrario di come scrive la critica de 'La Stampa', meglio una bella rissa in Loggione che un'intimidazione fuori dai teatri....è meno ipocrita e 'dal vivo', come piace a 'loro'....

papageno ha detto...

Il mio pienissimo supporto, carissimi zii del blog, contro quei cialtroni che continuano ad asserire di aver fatto qualcosa di buono nell'attaccarvi.
Io seguo il vostro blog da ormai più di un anno, e in esso riscontro sempre perizia culturale e musicale, a differenza di quella signora affetta da straniamento compulsivo che dirige "La voce del Cialtrone", un blog di una indecenza umana inaudita, per non parlare di imperizia musicale e culturale visto che non sanno nemmeno cosa siano entrambe! Un Abbraccio :)

pasquale ha detto...

comunque Donzelli la condanna a certe persone o personaggi che fuori dal teatro si comportano in maniera incivile per "intimorire" chi dissente,è da condannare,e avete tutta la mia solidarietà.
Però un po per sdrammatizzare,e fare qualche battuta scherzosa,non saranno di certo quattro dame stagionate,e un po di vecchietti ullulanti a "intimorirvi" quindi i buu quando ci vanno...ci vanno,e poi penso che si mantengono a una distanza di sicurezza da una persona di 192 cm di altezza e con 102 kg di peso...

Gilbert-Louis Duprez ha detto...

"I melomani ufficiali insorgono" etc... Mi vengono in mente le parole di Bakunin: "sarà una risata che vi seppellirà!" Ecco, la reazione più adeguata a certe "cronache": una anarchica risata! Che non meritano altro....

justsmile ha detto...

Avete tutto il mio sostegno!
Sono con voi!

Marco ha detto...

Sì, però adesso basta. Non è una guerra mondiale.
Marco Ninci

Giulia Grisi ha detto...

soprattutto la signora in questione che tanto si vanta del suo gesto nonmi apre prorpio una loggionista doc, dato che negli ultimi 20 anni l'abbiqamo vista un paio di volte
la chiamerei piuttosto la bigliettatia doc del maestro abbado
quanto agli altri due aggressori, vivono una condizione di chiaro isolamento anche da parte dei loro stessi amici, in quanto regolarmente plaudenti ed inneggianti a qualunque cosa passi su qul palco e per gli atteggiamenti aggressivi e maneschi nelo confronti anche di signore di una certa età. Isolati perchè aggressivi, e ne sono stata testimone io stessa.

quanto alla nostra egle, non la chiamerei giornalista, ma pettegola della carta stampata, in scia con altre colleghe che mille altre volte sono comparse in filodrammatici ad intervistare sempre le stesse due-tre persone amiche, ma mai ad informarsi sulla qualità degli spettacoli. Non giornalisti, ma coadiutrici soccorevoli del teatro......

mozart2006 ha detto...

Un solo commento. Quanto aveva ragione Josè Mourinho quando parlava di "prostitusione intellectuale"...

imparato ha detto...

Siamo in un paese in cui non c'e' piu' Liberta' di espressione.Straordinaria poi l'espressione "melomani ufficiali ".Da frequentatore assiduo dei teatri d'Opera europei posso affermare-da melomane non ufficiale-che LA SCALA non figura certo tra i primi 10.

Francesco Benucci ha detto...

Mourinho ci ha visto benissimo: infatti se n'è andato via.
l'articolo della Sig. Santolini offre interessantissimi spunti sullo stato di coma del giornalismo odierno. non vi è una riga che esmprima un contenuto condivisibile, oltre che scritta in un italiano degno di una giornalista della Stampa. è oltretutto evidente che si è aprioristicamente rifiutata di sentire l'altra voce del dibattito. complimenti! viva la serietà! viva il giornalismo!
Donzelli: oltre che le sue chiacchiere, anche il suo italiano è certamente superiore!